Aprire un Agriturismo: normativa Trentino Alto-Adige

In Trentino Alto Adige, l’apertura e la gestione di un agriturismo sono regolate da due leggi provinciali distinte: una per la provincia autonoma di Trento (Legge Provinciale 10 del 19 dicembre 2001) e una per la provincia autonoma di Bolzano (Legge Provinciale 7 del 19 settembre 2008). 

Per esercitare l’attività agrituristica, l’imprenditore agricolo deve essere incluso nell’elenco provinciale degli idonei all’esercizio dell’attività, soddisfacendo i seguenti requisiti:

  • Assicurare la connessione e complementarietà dell’attività agrituristica con le attività agricole.
  • Rientrare in una delle categorie specificate (iscritti all’archivio provinciale delle imprese agricole, società fra imprenditori agricoli, società fra allevatori, società cooperative agricole).
  • Possesso del libretto sanitario.
  • Possesso del requisito di adeguata capacità professionale, verificato attraverso titoli specifici.

Il Comune, entro 60 giorni dalla presentazione della domanda, rilascia (o nega) l’autorizzazione, che è a tempo indeterminato. Se la capacità ricettiva è inferiore a 10 ospiti o l’agriturismo offre solo degustazioni di prodotti, l’autorizzazione può essere sostituita da una denuncia di inizio attività.

Le caratteristiche relative alla Provincia di Trento per la conduzione dell’agriturismo:

  • Definizione: Gli agriturismi sono caratterizzati da modalità orientate al miglioramento della qualità del vivere e dell’abitare, inclusi i tradizionali bagni d’erba. La somministrazione di alcolici è vincolata al consumo di pasti.
  • Limiti alla capacità ricettiva: Per l’ospitalità turistica, massimo 30 posti letto, 15 stanze, 6 appartamenti, e massimo 7 piazzole per il campeggio. La somministrazione di pasti e bevande è limitata a 60 posti tavola.
  • Norme igienico-sanitarie: Sono previsti servizi minimi, assicurata la continuità di energia, acqua calda, e riscaldamento, oltre alla copertura assicurativa per la responsabilità civile.
  • Dotazioni e dimensioni: Sono elencate le dotazioni minime obbligatorie per camere, appartamenti, bagni, cucine e spazi aperti.
  • Malga: Per le malghe sono specificati requisiti igienico-sanitari e volumetrici.
  • Orari di apertura: Gli orari di apertura sono flessibili ma devono garantire almeno 3 mesi consecutivi all’anno, con non più di quattro periodi di apertura durante l’anno solare.
  • Fattoria didattica: Sono specificati requisiti per l’attività di fattoria didattica, inclusa la presenza di un tutor aziendale e la dotazione di una cassetta per il pronto soccorso.
  • Classificazione: Le imprese agrituristiche sono classificate da una a cinque margherite in base ai requisiti strutturali e di servizio, al contesto produttivo e naturalistico, e al contesto ricreativo. La classificazione si ottiene tramite presentazione di autovalutazione al Comune di riferimento.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli

La Crescita degli agriturismi

La Multifunzionalità come Chiave del Successo

Qual è la differenza tra un ristorante e un agriturismo?

Ristoranti in Agriturismi vs Ristoranti Tradizionali: un confronto inaspettato

È così difficile gestire un agriturismo?

Gli otto problemi principali degli agriturismi con ristorazione

Software gestionali per i ristoranti, quale scegliere?

I 9 comandamenti del Marketing per il tuo ristorante

Cosa è il posizionamento di un ristorante?

L’importanza del Branding nel Settore della Ristorazione

Richiedi informazioni e scopri i vantaggi esclusivi dei piani di partnership

Ti presentiamo

Corsi prodotti da ed esclusivamente per Convivier. Tu e / o il tuo team avrete accesso a tutti i corsi Business in maniera illimitata, dove e quando vorrete con un abbonamento senza impegni e che si può disdire in qualsiasi momento.